"Tutti noi, uomini e donne, abbiamo una propensione al voyeurismo. I reality, le riviste di gossip, facebook e, in generale, i social network esistono perchè ci piace spiare quello che fanno gli altri.

Senza voler fare della spicologia spiccia, ma semplicemente analizzando i fatti, noi spiamo perchè, nel momento in cui lo facciamo, ci dà piacere e non ci interessa se questo abbia o meno delle implicazioni morali.

 

 

Lo facciamo perchè, semplicemente, ci eccita. Se volete un paio di consigli, riguardate L'uomo che guarda, film di Tinto Brass del 1994, tratto dall'ononimo romanzo di Alberto Moravia, lo splendido lavoro fotografico di Larry Sultan The Valley ambientato nei backstage del film porno o, ancora, Le vite degli altri di Von Donnersmack: niente sesso in quest'ultimo caso, ma tanta tensione emotiva.

 

 

Reto Caduff è il fotografo che (soprattutto su spicepictures.com), raffigura quell'intensità che si prova guardando dal buco della serratura.

 

 

Lui stesso dice: <<Quando scatto cerco di ricreare quello che sento nel momento stesso in cui sto fotografando una donna>>. Ecco, forse è proprio questa la chiave di immagini sì voyeuristiche, ma che trasmettono l'eccitazione con gusto. E non, semplicemente, la ricerca di una bella foto che non sempre ha esiti positivi.

 

 

Buona visione. Anzi, buona spiata."

 

testo Stefania Molteni