Stimolazione della prostata
 
Pesa meno di 20 grammi, è un organo interno maschile e provoca scariche di piacere elettrizzanti. Si chiama prostata e tutti la conoscono più per i problemi di salute durante la vecchiaia che per i giochi erotici ad essa legati. Questa ingiustificata ignoranza si spiega senza dubbio con la sfortunata posizione della prostata: all'interno del corpo maschile, 5 centimetri circa dopo quel piccolo pertugio che si chiama ano. Chi però avrà la fortuna, singolo o coppia che sia, di non farsi intimorire dai tabù sulla penetrazione rettale maschile... bè, allora avrà nelle proprie mani, è proprio il caso di dirlo, una vera fortuna! Per questo è importante riconoscere nella stimolazione della prostata molto più che una semplice pratica per eccitare l'uomo. E imparare come fare è proprio l'argomento di questo post.
 
Basta un dito, o ancora meglio un dildo addatto allo scopo, per raggiungere questa piccola "castagna" e, con una pressione che può variare a seconda dei gusti, stimolare i numerosissimi recettori di piacere lì presenti. Sì perché senza scendere in dettagli anatomici sulle funzioni fisiologiche della prostata, questo piccolo organo che ogni uomo ha fin dalla nascita è, tra le altre cose, un concentrato di fasce nervose. Non è quindi un caso se spesso sentiamo definire la prostata come l'equivalente del punto G femminile, con un nome che di volta in volta può cambiare (punto P, punto L, punto G maschile). Lo sanno bene le case produttrici di sex toys, che da una decina d'anni a questa parte hanno iniziato a specializzarsi sempre più in oggetti specifici per la stimolazione della prostata.

Una breve panoramica sui principali prodotti in commercio sarà più che sufficiente per farsi un'idea di ciò che offre il mercato e di come fare impazzire il vostro partner con una intensa stimolazione della prostata. Innanzitutto bisogna distinguere tra dildo e vibratori. Entrambi vanno manovrati con l'aiuto delle mani, ma mentre i primi stimolano le fasce nervose tramite la sola pressione, i secondi aggiungono il piacere di "scosse" di intensità variabile. Queste sono le stesse che il corpo umano produce in modo naturale durante un rapporto sessuale, quando i due corpi "sbattono" uno contro l'altro. Ci sono poi i cosiddetti plug, vere e proprie ogive compatte, il cui diametro aumenta da 0 a 3/4/5 cm per decrescere quindi fino alla base d'arresto. Ques'ultima è un elemento da tenere sempre in considerazione nella scelta di quale prodotto acquistare per stimolare la prostata. I muscoli interni ed esterni dello sfintere anale, infatti, tendono a contrarsi prima e dopo il passaggio di un qualsiasi corpo. Meglio quindi essere sicuri che la penetrazione rimanga tale e non degeneri in uno spiacevole incidente!

Per finire non dimenticatevi dei lubrificanti. Come per le donne, così anche per l'uomo qualsiasi penetrazione non sarà MAI piacevole se non coadiuvata da un'abbondante lubrificazione. L'ano, inutile dirlo, non produce alcun tipo di sostanza simile a quelle prodotte dalla vagina, per cui dovrete pensarci voi. A questo punto la domanda sorge spontanea: qual è il lubrificante migliore per la stimolazione della prostata? E soprattutto: come fare ad applicarlo? La risposta è semplice: dipende tutto dal sex toy che pensate di utilizzare. Per approfondire l'argomento date un occhio alla nostra guida sui materiali, ad ogni modo ricordate come regola base di evitare le sostanze grasse, come creme idratanti o altri prodotti per il corpo. Puntate invece su lubrificanti a base acquosa, oleosa, siliconica e specifici per rapporti anali. Ma soprattutto seguite l'unico principio davvero importante: RELAX!